Metodo Ortho-Bionomy®

Applicazione corretta delle leggi della vita

Metodo Ortho-Bionomy®

Fondatore Arthur Lincoln Pauls

Il Metodo Ortho-Bionomy® è una pratica di riequilibrio fisico ed energetico adatto a restituire al corpo maggiore sensibilità e libertà di movimento.
Agendo in modo rispettoso verso il corpo e l’intera persona ricrea una condizione naturale di base grazie alla quale l’individuo torna in contatto con le profonde risorse naturali del proprio essere.
Il sistema di lavoro personale proposto è innovativo, utilizza la consapevolezza individuale, il movimento passivo e attivo e il tocco per il riconoscimento dei propri schemi strutturali e interiori al fine di una migliore integrazione corpo-coscienza.

Principi generali del Metodo

Seguire il modello ritmico del vivente
L’Ortho-Bionomy® è un metodo che segue il modello ritmico della vitalità presente nel corpo.
L’individuo è collocato all’interno di un flusso vitale continuo ad andamento circolare e spiraliforme.

L’omeopatia del corpo
Ortho-Bionomy® segue il principio omeopatico che afferma: similia similia curantur, il simile cura il simile.
Tanto più sottile sarà l’intervento tanto maggiore sarà l’incontro con gli aspetti più profondi dell’essere.

Percezione auto-regolatrice
L’ortobionomista rivolge le sue energie al fine di creare una condizione ottimale di sensibilità corporea. La sensibilità stessa, dotata di una innata intelligenza, diventa il mezzo auto-regolatore dell’organismo.
Con un particolare approccio alla rieducazione della sensibilità si entra in contatto con le motivazioni profonde del disagio.

Alzare il livello di comprensione di sé
Si sensibilizza il corpo in modo tale da portarlo a una riserva sufficiente di energia da utilizzare per un personale riconoscimento delle proprie difficoltà.
Scrive il D.O. Pauls: “I nostri corpi sono in grado di correggersi da soli ma devono essere motivati e aiutati a cercare di scoprire come fare il cambiamento”.

Caratteristiche e finalità del Metodo Ortho-Bionomy®

Quali sono le sue caratteristiche e cosa propone

 

 

 

  • Un approccio esperienziale al riequilibrio del corpo
  • Principi e concetti operativi semplici e naturali
  • Facilita lo sviluppo e la capacità di percezione di sé stessi e dell’altro
  • Stimola i meccanismi riflessi di autoregolazione corporea
  • Aiuta a dare voce ai segnali che il corpo esprime attraverso le tensioni e i suoi disequilibri
  • Lascia spazio ai movimenti istintivi di auto-regolazione piuttosto che imporre una tecnica direttiva

 

 

Le sette fasi

L’Ortho-Bionomy® è divisa in sette fasi, sette livelli per attivare e comprendere i processi vitali dell’essere

Fisico strutturale
Le fasi 1-4 lavorano principalmente sul riconoscimento e rilassamento delle tensioni riguardanti il piano fisico.
Viene seguito il principio della ricerca della posizione antalgica cioè della posizione più comoda che la zona può assumere in quel momento.
Un tale lavoro può essere praticato sia a coppie, all’interno di una relazione di scambio, sia individualmente attraverso esercizi di auto-correzione.

Fisico viscerale-emozionale
La fase 5 porta ad una maggiore sensibilizzazione e distensione grazie a delicati micro-movimenti e posture rilassanti.
Questo modo di lavorare aiuta l’individuo a essere in contatto col corpo con un nuovo atteggiamento: più delicato e rispettoso dei ritmi interiori.
La fase 5 è molto adatta a persone che per una loro naturale sensibilità abbiamo necessità di interventi morbidi e misurati.

Propriocettivo
Con la fase 6 si toglie l’attenzione dal piano materiale e si cerca di essere in contatto con il piano sottile, con le sfumature del paesaggio corporeo, con le sensazioni che collegano l’essere al vissuto, con il fluire dei cambiamenti.
La persona è accompagnata a un incontro con la propria realtà interiore senza che ci sia nessun intervento forzato dall’esterno.

Mentale
Con la fase 7 la lettura è più profonda, tocca gli schemi originari del nostro essere, le motivazioni originarie che fanno di noi quel che siamo.
La fase 7 vuole rispondere alle domande: può il piano energetico e mentale avere una stretta relazione con la struttura corporea?
È vero che tutti gli uomini sono strettamente uniti fra loro anche se si trovano a distanza gli uni dagli altri?

L’Ortho-Bionomy® in Europa

L’Ortho-Bionomy® è presente in Germania, Francia, Austria, Svizzera, Italia, Grecia, Spagna.
Oltre alla presenza di praticanti, allievi e insegnanti è attivo un organismo chiamato OBEAT.

 

OBEAT, Associazione europea degli insegnanti di Ortho-Bionomy.
Il 12 febbraio 1994 viene fondata dal Arthur Lincoln Pauls l’OBEAT, Associazione europea degli insegnanti di Ortho-Bionomy.

 

L’Obeat ha diversi compiti:

 

  • Riunire tutti gli insegnanti europei per tutelare, diffondere e sviluppare, attraverso la formazione di operatori, il metodo Ortho-Bionomy. Gli insegnanti di comune accordo hanno stabilito una formazione minima comune (FMC).
  • Organizzare e garantire la formazione degli insegnanti che è unica per tutta Europa. Gli insegnanti del metodo Ortho-Bionomy sono operatori che, dopo un periodo di pratica certificata di almeno tre anni dal termine della formazione, diventano tali dopo avere seguito un iter formativo della durata di due anni.
  • Organizzare un incontro annuale di aggiornamento per insegnanti. Questo stage si tiene annualmente, ad ogni terzo fine settimana di maggio, ogni volta in una differente nazione.

 

Il nome Ortho-Bionomy® è un marchio registrato valido in tutta Europa, registrazione effettuata il 12 febbraio 1995 dal D.O. Pauls. In seguito il marchio è stato donato all’OBEAT, registrazione 20 aprile 1999.
Indirizzo c/o Presidente OBEAT Marianne Volery, Rue Charles Humbert 4, Ch 1205 Ginevra.
Tutti gli insegnanti italiani anche se presenti in realtà associative nazionali diverse fanno riferimento all’OBEAT e sono regolamentati e disciplinati dal codice etico e deontologico OBEAT che fissa le regole e le sanzioni disciplinari.

Cenni storici

Il Metodo Ortho-Bionomy® venne fondato in California dal D.O. Arthur Lincoln Pauls, osteopata e insegnante di judo, nato in Canada il 12 febbraio 1929.
Durante il suo dottorato in osteopatia, un insegnante venne a sostituire il loro che si era ammalato. In quella lezione l’insegnante mostrò alla classe una nuova tecnica che arrivava dagli Usa; sfruttava le posizioni naturali che il corpo è in grado di assumere per causare un rilascio spontaneo della tensione muscolare.
Secondo questa tecnica non era più necessario contrastare il blocco articolare, bastava cercare di far assumere al corpo del paziente le posizioni più comode e indolori per le zone in tensione e farle mantenere per alcuni minuti.
Il D.O. Pauls si rese subito conto che era proprio quello che andava cercando da tempo.
Dopo alcuni anni di ricerca e pratica nacque l’Ortho-Bionomy® un metodo semplice e molto delicato che è in grado di allentare tensioni muscolari in modo naturale e spontaneo che permette inoltre di compiere un vero e proprio percorso interiore per il miglioramento del proprio essere.
Il suo lavoro si diffuse soprattutto in Canada e negli Stati uniti. All’inizio degli anni ’80 tenne conferenze in Europa, Svizzera, Francia, Austria, Germania.

Bibliografia

Ortho-Bionomy®, A Practical Manual
Kathy L. Kain, Jim Berns
Ed. North Atlantic Books, 1992, 1997

Il Tao del Mal di Schiena, Un Trattato di Ortho-Bionomy®
Alex Lattanzi
Ed. Baul, 2000

Lehrbuch der Ortho-Bionomy®, Weiche manuelle Techniken
Klaus G. Weber, Michaela Wiese
Ed. Sonntag, 2001

Philosophy and History of Ortho-Bionomy
Arthur Lincoln PAULS
2003

Ortho-Bionomy® – L’arte semplice dell’armonia psico-fisica
Gino Fioravanti
Ed. Mediterranee, 2004

Ortho-Bionomy, découvrez votre réflexe autocorrecteur
Thérèse Quillé
Ed. Marco Pietteur, 2007

Il tempo di un abbraccio“Corpo e spirito dell’Ortho-Bionomy®”
Margherita Brugger
Ed. Italica – Collezione olistica, 2016